Quando ero un fanciullo mi insegnarono
che il mondo è una giostra.
Io dissi: " Voglio crescere più in fretta.
Voglio giocare anch'io! "

Ma, quando cominciò il divertimento,
gridai: " Fermate il mondo. Voglio scendere.
Non vedete che soffro di vertigini,
che ogni istante si rischia di cadere? "



lunedì 29 marzo 2010

FRATELLO DI COLORE

E oggi, fratello nero,  dove andrai
senza una pietra ove posar la testa,
senza un pezzo di terra sconsacrata
sul quale parcheggiare la tua ombra?

Fossi un virgulto!.. Avresti una radice,
il cielo ti darebbe acqua di nube,
non dovresti esibire il passaporto
o sognare un permesso di soggiorno.

E invece tu sei soltanto un uomo
che viene dal paese della guerra,
e non per riciclare soldi sporchi,
ma per dormire sopra i marciapiedi,

sotto le stelle, in mezzo alla mia gente.

Nessun commento:

Posta un commento