Quando ero un fanciullo mi insegnarono
che il mondo è una giostra.
Io dissi: " Voglio crescere più in fretta.
Voglio giocare anch'io! "

Ma, quando cominciò il divertimento,
gridai: " Fermate il mondo. Voglio scendere.
Non vedete che soffro di vertigini,
che ogni istante si rischia di cadere? "



giovedì 1 aprile 2010

PER UN PUGNO DI TERRA

Perchè piangono i figli del mio popolo?
Han lavato le mani
nel sangue dei profeti.
Perchè mandano i giovani al macello?
Per un pugno di terra.

E perchè fanno lutto le moschee?
Son tornati gli aerei
e hanno vomitato il loro odio
sui figli di Ismaele.

E il Signore tuona dal deserto,
scuote le sinagoghe e le moschee.
Il granello di sabbia balza in piedi:
" Nessun uomo è straniero sotto il cielo!.. "

Nessun commento:

Posta un commento