Quando ero un fanciullo mi insegnarono
che il mondo è una giostra.
Io dissi: " Voglio crescere più in fretta.
Voglio giocare anch'io! "

Ma, quando cominciò il divertimento,
gridai: " Fermate il mondo. Voglio scendere.
Non vedete che soffro di vertigini,
che ogni istante si rischia di cadere? "



venerdì 9 aprile 2010

ANGELO DI DIO

Angelo di Dio che mi guardi,
tu che recidi il filo della vita,
pietà di questo giorno che precipita,
che rotola ai piedi della Croce.

Anche noi siamo angeli,
angeli prigionieri della carne,
angeli che bruciarono le ali,
sorvolando le fiamme dell'Inferno.

Quest'Inferno si chiama Palestina.
Questo paese, guarda, è il mio paese:
un deserto di cenere, mio Dio!
Ma quando sulla bocca del cannone
fiorirà il gelsomino?

Nessun commento:

Posta un commento